Edouard Boubat

Édouard Boubat nasce il 13 settembre 1923 a Parigi.

Con Willy Ronis e Robert Doisneau, viene considerato uno dei principali rappresentanti della cosiddetta fotografia umanistica francese.

Cominciò ad apprendere la fotografia, nel 1946, e ottenne nel 1947 il premio Kodak. Divenne poi foto-reporter per la rivista mensile Réalités.

Nel 1971, ottenne la medaglia David Octavius Hill e nel 1984, vinse il Grand Prix National de la Photographie a Parigi. Nel 1988, vinse poi il premio della Fondation Hasselblad.

Boubat incoraggiò la creazione della prima galleria fotografica a Parigi, la Galerie Agathe Gaillard, che poi espose in permanenza le sue opere.

Diventato foto-reporter subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, rimase talmente sconvolto dalle atrocità della guerra da dedicare il suo lavoro alla celebrazione della vita.

La professione di fotografo gli diede abbastanza risorse economiche da fargli decidere di moltiplicare i suoi viaggi. Fece ritratti, diventati poi famosi, di numerose personalità, come Jacques Prévert, che lo chiamerà « corrispondente di pace », Gaston Bachelard, Emil Cioran, Robert Doisneau, Jean Genet, Marguerite Yourcenar e tanti altri.

Si dedicò particolarmente a mostrare i momenti vuoti della vita e ad esaltarne il lato felice. La sua opera presenta "un quotidiano spogliato, ma ricco di grazia, di poesia e di una pienezza atemporale".

Muore il 30 giugno 1999 a Montrouge, FR

Palazzo Valfrè

Via San Giorgio, 2  Chieri (TO)  -  ITALY

+39 01118892157

Tutte le immagini sono di proprietà  dell'artista o della galleria

Orario di apertura

dal martedì al sabato

dalle ore 15:30  alle ore  19:00

Al mattino su appuntamento

P. Iva  01635810052